Questo sito utilizza cookies per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, continuando nella navigazione o cliccando qualunque elemento, ne autorizzi l'uso. OK Privacy policy

FREERIDE

Ami la neve fresca?
Non puoi rinunciare a provare quelle incredibili sensazioni che solo affondare gli sci in un manto di neve immacolato ti sa dare?
Allora la Skiarea Valchiavenna è il posto giusto per te!


ATTENZIONE

Avvicinati al freeride in modo sicuro. Pratica lo sci e lo snowboard in fuoripista solo quando le condizioni lo consentono.
Controlla sempre il bollettino valanghe e dotati di zaino, ARTVA, pala e sonda.

Alla Cima Groppera effettua un ARTVA check, verifica che il tuo apparecchio di ricerca in valanga funzioni correttamente

Divertiti facendo freeride sempre nel rispetto delle regole!

itinerario #1

Il Canalone

Il Canalone, cantato anche dal Poeta Dino Buzzati, è sicuramente il più famoso itinerario in fuoripista del comprensorio.
Partendo dalla Cima Groppera si scende fino alla partenza della seggiovia Cima Sole

Quota partenza

2880

Pendenza max

33°

Quota arrivo

1940

itinerario #2

I Camosci

I Camosci, ha in comune con "Il Canalone" il punto di partenza e di arrivo.
Bisogna però rimanere in quota nella fase iniziale, per poi procedere lungo un fantastico declivio sottostante la stazione a monte della funivia Groppera.

Quota partenza

2880

Pendenza max

32°

Quota arrivo

1940

itinerario #3

Angeloga

ATTENZIONE informarsi sulla percorribilità dell'itinerario.

L'Angeloga è un lungo itinerario per i più esperti con alcuni tratti da percorrere con le pelli o con gli sci in spalla.
Il percorso, partendo da Cima Groppera, si snoda toccando il Passo dell'angeloga, quindi il Rifugio Chiavenna per terminare nella frazione di Fraciscio.

NOTA BENE L'arrivo è distante dalla skiarea, per tornare agli impianti è necessario contattare il servizio taxi, indicazioni all'arrivo presso il bar ristorante Genzianella.

Quota partenza

2880

Pendenza max

31°

Quota arrivo

1341

Regole di comportamento

Attenzione! Le aree indicate come “freeride” sono da considerarsi fuori pista (al di fuori dell’area sciabile). Chiunque vi acceda, lo fa a proprio rischio e pericolo.

Attieniti alle seguenti regole di comportamento per accedere alle zone freeride con maggior consapevolezza e sicurezza.

  1. Si fa presente che il freeride è uno sport estremo e, quindi, di per sé pericoloso e rivolto solo ed eslusivamente a sciatori/snowboarder esperti, adeguatamente equipaggiati e preparati all’autosoccorso in valanga.
  2. Mai da solo. Non entrare nelle aree freeride in solitaria. Se dovesse accaderti qualcosa, nessuno potrebbe aiutarti.
  3. Se non conosci le due zone freeride ti suggeriamo di farti accompagnare da una guida alpina.
  4. Prima di entrare nell’area fuoripista controlla sempre il bollettino valanghe emesso dal Centro Nivometeorologico di ARPA Lombardia.
    Ricorda che già a partire da un livello 3 il distacco è possibile con debole sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi (30-35 gradi).  In alcune situazioni sono possibili valanghe spontanee di media grandezza e, in singoli casi, anche grandi valanghe. Prestare comunque attenzione e muoversi con le dovute precauzioni anche con grado di pericolosità 1 e 2. Fortemente sconsigliato con grado 3, vietato con grado 4 e 5.
  5. Equipaggiamento: sci da freeride o snowboard, ARTVA, zaino, sonda e pala. Il casco è vivamente consigliato! Anche una zona molto nevosa e apparentemente sicura può nascondere un sacco di insidie come rocce e alberi nascosti.  L’ARTVA va indossato, con l’apposita custodia, vicino al corpo o in una tasca chiusa da cerniera adeguatamente resistente.

Scala pericolo valanghe

SCALA DEL       PERICOLO PROBABILITA’ DI DISTACCO VALANGHE INDICAZIONI PER ESCURSIONISTI, ALPINISTI E SCIATORI FUORIPISTA
( 1 )

DEBOLE

Il distacco è generalmente possibile solo con un forte sovraccarico su pochissimi pendii esterni. Sono possibili solo piccole valanghe spontanee. Condizioni generalmente sicure per le gite sciistiche.
( 2 )

MODERATO

Il distacco è possibile soprattutto con un forte sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi. Non sono da aspettarsi grandi valanghe spontanee. Condizioni favorevoli per gite sciistiche ma occorre considerare adeguatamente locali zone pericolose.
( 3 )

MARCATO

Il distacco è possibile con debole sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi. In alcune situazioni sono possibili valanghe spontanee di media grandezza e, in singoli casi, anche grandi valanghe. Le possibilità per le gite sciistiche sono limitate ed è richiesta una buona capacità di valutazione locale.
( 4 )

FORTE

Il distacco è probabile già con un debole sovraccarico su molti pendii ripidi. In alcune situazioni sono da aspettarsi molte valanghe spontanee di media grandezza e, talvolta, anche grandi valanghe. Le possibilità per gite sciistiche sono fortemente limitate ed è richiesta una grande capacità di valutazione locale.
( 5 )

MOLTO FORTE

Sono da aspettarsi molte grandi valanghe spontanee, anche su terreno moderatamente ripido. Le gite sciistiche non sono generalmente possibili.

Scarica il bollettino valanghe